fbpx
tenue avec trench burberry scaled

Come il trench Burberry è diventato un pezzo iconico?

Con l’arrivo dei bei giorni, fa il suo grande ritorno. Abbracciando tutti i nostri movimenti con grazia e fluidità, il trench Burberry si riprende nuovamente le strade in questa primavera-estate. Tra praticità ed estetica, il capo seduce da più di 140 anni sia i guardaroba maschili che femminili. Ed ha saputo confermare il suo posto come indispensabile per molti profili. Mentre oggi sfilano lungo i viali delle città, il trench-coat ha anche affrontato tempi più complicati, sullo sfondo della guerra di trincea. Un capo con una storia forte, che gli conferisce carattere, e che sa giocare con i suoi punti di forza. Riscoperta di un pezzo iconico!

Qual è l’origine del trench Burberry?

Mentre tutti lo conosciamo per il suo taglio dritto, il suo beige incantevole e la sua cintura che lo cinge a piacimento, il trench Burberry ha una storia molto più ricca e oscura, rispetto alle sue apparizioni sotto i riflettori delle sfilate.

Vincere le intemperie con stile

All’origine, non è stata una questione di stile a guidare la sua creazione, ma la ricerca di un nuovo capo che combinasse impermeabilità e ventilazione.

È all’inglese Thomas Burberry che dobbiamo le prime ispirazioni del trench coat che conosciamo oggi. Soffrendo di reumatismi, quest’ultimo desiderava creare un nuovo materiale, più performante di quelli esistenti all’epoca, per contrastare la pioggerellina inglese, così tipica, ma così sgradevole. La sua idea: avere un capo leggero in grado di proteggere dalla pioggia, dal freddo, pur lasciando respirare il corpo.

E così il giovane uomo, ex drappeggiatore, e a capo della propria casa dal compimento dei 21 anni nel 1856, si mise a migliorare i capi allora presenti sul mercato, e iniziò a scrivere l’eredità della casa Burberry.

Il “Mack” e “l’Aquascutum”, prime bozze del trench-coat

Il primo cappotto impermeabile, il Mack, è apparso all’inizio degli anni 1820. Dobbiamo questa creazione agli inventori Charles Macintosh e Thomas Hancock, già a capo dell’industria della gomma in Gran Bretagna. Realizzato in cotone gommato, il soprabito conobbe un miglioramento alcuni anni dopo, con il modello del sarto inglese John Emary, che nominò il suo pezzo come la sua azienda, Aquascutum.

La gabardina, nuovo capitolo verso il trench Burberry

Nel 1879, Thomas Burberry affrontò la fabbricazione del trench impermeabile da un’altra angolazione. Impermeabilizzando ogni fibra di cotone e lana prima della tessitura, e non dopo l’assemblaggio come era d’uso, l’uomo a capo della casa Burberrys concepì un nuovo materiale, molto più performante, permettendo così alle gocce di scivolare sul tessuto anziché infiltrarsi. Fu così che la gabardina nacque, e si impose come il pezzo più efficace dell’epoca. Il suo trench ebbe rapidamente successo e fu adottato da tutti i profili avventurosi.

Nel 1895, la creazione del modello Tielocken confermò la notorietà della casa e delineò la silhouette del mitico trench Burberry.

Come il trench Burberry è diventato un must-have?

Dopo aver sedotto cacciatori e altri esploratori, il capo si è legato a un contesto più complicato, quello della guerra.

Infatti, presentando numerosi vantaggi, il trench Burberry offriva una buona protezione contro la pioggia, la polvere e i gas tossici, garantendo al contempo una buona ventilazione. Inoltre, era possibile agganciare accessori alla sua cintura, mettere oggetti nelle sue ampie tasche, o agganciare le insegne di grado sulle pattine presenti sulle spalle.

Adattato per l’ambiente, il modello era indossato in kaki per mimetizzarsi più facilmente.

Un primo ordine fu effettuato dall’esercito durante la seconda guerra dei Boeri in Sudafrica. Poi, durante la 1 guerra mondiale, il modello fu apprezzato e indossato da oltre mezzo milione di soldati, venendo così ribattezzato “cappotto delle trincee”.

Il successo del capo si è osservato con la creazione di pezzi simili da altre marche, a prezzi più accessibili, per rendere il trench alla portata di più budget.

Il trench Burberry, dalle trincee ai marciapiedi

Beneficiando di un’immagine eroica, del soldato che difende la sua patria, il trench Burberry è diventato un pezzo ambito, anche per la vita di tutti i giorni. Al fine di renderlo più elegante, la casa ha creato la fodera interna in tartan, il Nova Check, diventato l’emblema della casa.

Lo splendore del cinema e dei film in cui gli eroi indossano il trench, avvolge il capo di tutto il glamour del 7° arte e lo rende ancora più ricercato. Dopo figure maschili come Humphrey Bogart o Gene Kelly, negli anni ’40 e ’50, il trench Burberry si inserisce fin dagli anni ’60 nel guardaroba femminile, ed è indossato da Audrey Hepburn, Marlène Dietrich o ancora Meryl Streep.

Il capo diventa rapidamente un must-have da avere, simbolo di classe ed eleganza, con una risonanza non più di cappotto di soldati, ma un’immagine legata ai personaggi di finzione incarnati sul grande schermo.

Rapidamente, altri creatori integrano la silhouette del trench nelle loro collezioni, mentre la famiglia reale britannica fa della casa Burberry il suo fornitore ufficiale.

Il capo conosce un periodo più timido negli anni 1970/1980, ma riacquista grandezza con l’arrivo del nuovo Direttore Artistico della casa Burberry, Christopher Bailey all’inizio degli anni 2000.

Come scegliere un trench Burberry da donna?

Nel corso degli anni, il trench Burberry si è reinventato pur mantenendo la sua linea iconica. Scopriamo così il capo sotto diverse silhouette, con i nomi dei quartieri londinesi: Kensington, Westminster, Pimlico, Chelsea e Waterloo. Declinato in diversi colori e giochi visivi, con il Nova Check presente solo come fodera, o anche sul colletto, il pezzo si inserisce tanto nel guardaroba maschile, femminile quanto in quello dei bambini.

Chargement...