fbpx
valentino defile

Come Valentino reinventa il rosa fucsia?

Alla Fashion Week di Parigi, si è potuto assistere a una sfilata monocromatica rosa. Uno sguardo sullo show di Valentino.

Domenica 6 marzo, presso il Carreau du Temple a Parigi, si è tenuta una sfilata di un nuovo genere: una passerella monocromatica dal colore rosa. Pierpaolo Piccioli, direttore artistico della casa di moda italiana Valentino, ha presentato lo scorso fine settimana i capi della sua collezione autunno/inverno 2022/2023. Un’occhiata a questa sfilata evento.

Il rosa come sfondo

Domenica 6 marzo, in occasione della Fashion Week, il Carreau du Temple, luogo simbolo della cultura a Parigi, si è vestito di rosa per ospitare la sfilata monocromatica del marchio italiano Valentino. Dalla prima fila, gli invitati sono stati ipnotizzati dallo spettacolo, ma anche dall’ambientazione. Come la collezione stessa, la hall si è vestita di tutto punto, nel “Pink PP”. Un inno al colore dell’amore, dell’energia, della comunità e della libertà”, come afferma Pierpaolo Piccioli.

E questa messa in scena è stata appositamente ideata per esaltare la silhouette anziché concentrarsi sull’apparenza dei look presentati. Questa è la scelta che il designer sostiene, perché per lui, l’intensità dell’ambientazione e l’abbondanza di rosa permettono all’occhio di concentrarsi non più sull’insieme, ma sui dettagli come l’espressione del viso delle modelle, la silhouette, il collo dei vestiti, ecc.

Nella sua sfilata, il creatore di Valentino ha cercato l’uniformità, sia nella sceneggiatura dello spettacolo che nei capi stessi. Sottraendo il superficiale, il creatore si concentra sull’essenziale. Un modo per valorizzare i fisici, le attitudini, le texture attraverso la sua palette monocromatica, e quindi attirare l’attenzione del pubblico in modo diverso.

pink pp valentino 1
Sfilata Valentino. Fonte Instagram @maisonvalentino

Il monocromatismo come esercizio di stile

In questa sfilata, l’uso del monocromatismo si rivela una vera e propria prodezza stilistica. I capi di alta moda vengono messi in risalto in modo diverso, nella loro semplicità più totale, allo stesso modo delle silhouette. Per quanto riguarda la collezione prêt-à-porter, l’etichetta italiana gioca con linee grafiche dalle tagli sempre più curati l’uno dell’altro. Da notare anche l’enfasi sui volumi, con abiti corti e svasati, cappotti lunghi e slanciati. Per quanto riguarda le texture, la parola d’ordine è molteplicità: paillettes, veli, maglie… Rappresentano la diversità come per onorare la visione del creatore.

E come per contrastare il giorno e la notte, la seconda parte della sfilata ha offerto agli ospiti uno spettacolo di nero profondo su uno sfondo fucsia. Un’opposizione rappresentata poeticamente.

“Pink PP”, la nuova firma di Valentino

Contrariamente agli amanti della sobrietà, il “Pink PP” sarà il prossimo colore di tendenza per l’inverno 2023. E questa sfumatura è stata appositamente sviluppata dallo stesso designer per la sua collezione. Il fucsia di Piccioli è sorprendente, ma sofisticato, e si vuole moderno. E questa tonalità sarà ufficialmente aggiunta alla selezione dei colori Pantone, in procinto di diventare forse il nuovo riferimento.

Oltre a padroneggiare perfettamente lo stile, il “Pink PP” invita anche a vedere il mondo in modo diverso. “Volevo creare un momento di riflessione su ciò che sta accadendo”. È un colore che, secondo il creatore della casa italiana, invita ognuno a scavare in profondità per vedere e comprendere l’essenza stessa della creazione.

“Sono interessato all’idea di un umanesimo che alimenta la creatività”. Fedele ai suoi valori, il “Pink PP” è anche l’idea di portare un po’ di leggerezza e ottimismo, come per combattere la tristezza diffusa.

Chargement...