fbpx
Next in Fashion saison 2

Next in Fashion stagione 2, il ritorno del concorso di moda Netflix

Appassionati di tessuti a metraggio, pieghe e risvolti, motivi e colori, questo articolo è per voi. Lo aspettavamo con impazienza da quando è stato annunciato lo scorso febbraio, Next in Fashion stagione 2 è finalmente arrivata su Netflix! Rilasciata all’inizio di marzo, e presentata in questa seconda stagione da Tan France e Gigi Hadid, abbiamo ovviamente guardato con fervore tutti i 10 episodi, sognando a nostra volta di diventare creatori. Ritorno su questa nuova stagione che è venuta a mettere in luce la creazione e la moda di domani, interrogandoci anche sulle sfide da affrontare per rendere l’industria più ecocompatibile. (articolo senza spoiler sulla stagione 2).

Che cos’è Next in Fashion?

Per coloro che si sono persi Next in Fashion stagione 1 nel gennaio 2020, ecco un breve riassunto. Next in Fashion è il primo show di reality TV dedicato alla moda su Netflix. Si tratta di un concorso in cui diversi designer di moda si sfidano in prove creative, a tema, dove devono creare da zero uno o più look, da soli, in coppia o in squadra. Il vincitore ottiene, da un lato, denaro per sviluppare la sua collezione, oltre a beneficiare di una grande visibilità nel settore.

Presentato nella prima stagione da Tan France (che ci aveva convinti in Queer Eye) e Alexa Chung (modella di fama internazionale), lo show ci aveva subito trasportati e meravigliati. Da un lato, per le pareti ricoperte di rotoli di tessuto e altri accessori di creazione a perdita d’occhio, che gridano la visione del sogno per ogni appassionato di moda. Mais surtout, per i profili dei creatori che hanno partecipato al concorso. Tutti talentuosi, con percorsi e storie varie, tanto ispiranti quanto commoventi, e ai quali ci siamo rapidamente affezionati nel vederli superare se stessi ed evolvere nel corso degli episodi.

Similmente a Glow up, che è un programma simile di Netflix che mette in evidenza make-up artists, è bello vedere programmi che rendono onore alle professioni artistiche. Questi formati mettono in luce tutto un know-how, portando uno sguardo che sublima la sua tecnicità e permette di valorizzare queste professioni, troppo spesso trascurate. Sono una fonte d’ispirazione infinita per chiunque, giovane o adulto, desideroso di farsi un posto nel settore. La diversità dei profili e dei percorsi dimostra che quando si vuole raggiungere un obiettivo, e ci si impegna per farlo, ciò è possibile, e solo questo, la serie porta un messaggio bellissimo.

Che fine hanno fatto i concorrenti di Next in Fashion stagione 1?

Next in Fashion stagione 1 aveva messo in evidenza i profili di 18 creatori, che si erano principalmente distinti in coppia nelle prove.

La finale aveva messo di fronte due profili di creatori con universi totalmente diversi. Da un lato, il britannico Daniel W. Fletcher, che proponeva creazioni di prêt-à-porter maschile, imbevute della classe britannica, con tagli precisi e un tocco di nostalgia in chiave moderna. Di fronte a lui, Minju Kim, la grande vincitrice sudcoreana, con un universo più poetico, ricco di motivi e focalizzato sul prêt-à-porter femminile.

Vincendo la prima stagione di Next in Fashion, Minju Kim aveva ricevuto 250.000 $ per sviluppare la sua collezione, concepita per la finale del concorso, che aveva come ispirazione la moda secondo Frida Kahlo, oltre all’opportunità di metterla in vendita su Net-à-porter. Da allora, la creatrice ha sviluppato il raggio d’azione del suo marchio omonimo, e ha in particolare firmato una collaborazione con & Other Stories l’anno scorso, che si è rivelata un grande successo.

Arrivato secondo, Daniel W. Fletcher impone il suo stile british e presenta le collezioni del suo marchio omonimo alle settimane della moda, lavorando anche come direttore artistico per il marchio Fiorucci.

Tan France e Gigi Hadid hanno superato la prova di Next in Fashion stagione 2?

Per Next in Fashion stagione 2, purtroppo non ritroviamo la nostra coppia preferita formata da Tan France e Alexa Chung. La modella britannica ha lasciato il posto a Gigi Hadid, che aveva già avuto un’esperienza simile in uno show chiamato Project Runway. Il nuovo duo si rivela all’altezza, portando eleganza e autenticità, con un tocco di divertimento, e soprattutto, moltissime emozioni. Si sviluppa una forte relazione nel corso degli episodi tra la giuria e i partecipanti, rendendo così difficili alcune partenze.

Il duo ci offre anche un’ode al mondo della moda, indossando abiti sempre più sublimi gli uni degli altri. Balmain, Chanel, Alexandra Rich, Versace, Roger Vivier, Isabel Marant, Alexander Vauthier, Marc Jacobs, David Koma, Richard Quinn, Alexander Mcqueen… Tan France e Gigi Hadid sono venuti a mettere in luce pezzi di grandi stilisti, sotto lo sguardo della stylist Elizabeth Sulcer, dimostrando che la moda è un terreno di espressione e di gioco infinito.

Chi sono i concorrenti di Next in Fashion stagione 2?

16 concorrenti, per lo più americani, sono venuti a partecipare al concorso di Next in Fashion stagione 2. Con percorsi, esperienze e competenze diametralmente opposti, questa stagione è stata, ancora una volta, molto interessante da seguire. Da un lato, per scoprire gli universi di ciascuno, molto marcati, tra tagli ultra femminili, patchwork di tessuti e spirito infantile. Ma anche, per seguire l’evoluzione dei concorrenti che hanno dovuto uscire dalla loro zona di comfort, sfidandosi con nuove tecniche e universi creativi che non erano i loro.

Le storie e le ambizioni dei creatori arricchiscono il programma di una certa emozione, e ci hanno, per un’altra stagione, fatto versare qualche lacrima.

Come Next in Fashion affronta la moda da un punto di vista inclusivo?

Che sia nella scelta dei profili dei concorrenti o nelle creazioni prodotte durante lo show, Next in Fashion stagione 2 affronta la moda in modo inclusivo. Scopriamo i percorsi di concorrenti binari, transgender, con disabilità, drag queen, di ogni orientamento sessuale, di ogni origine e background.

I capi fanno, anch’essi, eco a questa visione, essendo lavorati su modelli con curve e colori della pelle diversi, sia uomini che donne. I capi affrontano anche concezioni unisex, o, vengono a rompere i codici radicati nella società. Il programma porta una ventata di freschezza ed è questo che ne fa tutta la sua ricchezza.

Next in Fashion stagione 2: ode alla creazione e alla moda di domani

Come Tan France e Gigi Hadid sottolineano fin dall’inizio, Next in Fashion stagione 2 non è fatta per vedere ciò che è già stato fatto o ciò che si sta facendo attualmente. Vogliamo vedere ciò che si farà domani, mantenendo l’identità del creatore, affinché i capi riflettano il suo universo.

Per questa seconda stagione, è principalmente da soli che i concorrenti si sono espressi, in tempi di lavoro brevi. Alcune prove, tuttavia, li hanno sfidati a lavorare in coppia o in squadra, al fine di riuscire a creare una visione coesa, lasciando al tempo stesso esprimere il DNA di ciascuno.

Chargement...